Questo sito utilizza cookie, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Approfondisci

Complot S.Y.S.tem

Processo di ricerca a cui dal 2000 lavora un gruppo indipendente di artisti, che nella pluralità dei linguaggi rivolge una particolare attenzione alla relazione tra arte e architettura. Dal 2001 definisce un progetto per una città utopica, allegoria dei sensi, costruita con libri, CD, VHS ecc. che evoca la presenza sensuale e sensibile del corpo, tra immaginario e realtà.

Sono intervenuti:

IAN+:
Carmelo Baglivo, Luca Galofaro, Stefania Manna e altri, attivi a Roma dal 1997, dopo collaborazioni con celebri studi d’Architettura (Fuksas, Eisenman), attenti a definire metodi di analisi e progetto, si sono distinti in numerose rassegne, mostre e concorsi.

AQ Studio:
Architettura Quotidiana è formato da Laura Federici, Annalisa Lombardi e Laura Negrini. Per aQ affrontare un progetto significa interrogare l'abituale. Ascoltare il materiale, ricercare la forma ma soprattutto interrogare ciò che pare più scontato: l'uso. L'obbiettivo è intervenire nelle dinamiche di trasformazione della città e del territorio per recuperare le forme dell'abitare, la modalità è quella della progettazione in penire, dell'appropriazione progressiva, del coinvolgimento tra le parti, siano esse funzioni, amministrazioni, committenti, soprattutto utenti.

Vincenzo Di Siena:
Architetto, in numerose occasioni laboratoriali ed espositive sia in Italia che all’estero, promuove con gli studenti di Roma 3 progetti di rilettura e riappropriazione dello spazio e del paesaggio.

Santiago Cirugeda:
Promotore delle “Recetas Urbanas”, vere prescrizioni/ricette per la città; lo studio, attivo a partire da Siviglia dalla metà degli anni ’90, interpretando in senso estensivo le norme edilizie, ha reinventato rapporti di quartiere e ribadito pratiche di resistenza, di cittadinanza attiva, tra arte ed architettura; partecipa con un video girato per l'occasione.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.:
Fondato nel 1999 da Domenico Mennillo e Rosaria Castiglione, svolge un lavoro di sperimentazione sui luoghi altri delle arti e del teatro (boschi, spiagge, campagne, cortili, cantine e stanze di palazzi pubblici e privati, aree dimesse ecc..) realizzando spettacoli, azioni, mostre, cortometraggi e pubblicazioni di ricerca letteraria. Nel 2003 si è conclusa la trilogia su teatro e architettura, contenuta nel volume di D. Mennillo “PARTITURE VISIVE Teatro d’Architettura”edito nel 2004 dalle edizioni E-M Arts/Fondazione Morra di Napoli.

Factory-Berlin:
Collettivo internazionale di artisti operanti negli e su ex insediamenti industriali (AEG, KWO) nell’area di Berlino-Est, Oberschöneweide. Attiva inizialmente dal 1997 come gruppo T.R.O, co-fondato da Leo Königsberg, la Factory è un enorme laboratorio in cui video-artist, pittori, scultori, musicisti, performer, poeti, … confrontano sé con la diversità territoriale e culturale.

Luna Nera:
Organizzazione di artisti contemporanei internazionali con sede a Londra, il cui interesse principale e' la creazione di “site– responsive work” opere rispondenti o che si sviluppano in relazione al luogo in cui vengono realizzate. Luna Nera utilizza varie tecniche quali scultura, video, suono, fotografia e performance.

Sara Gonzalez:
Ricercatrice presso la School of Architecture, Planning and Landscape, Università di Newcastle, UK, si occupa di piani strategici e rapporti tra urbanistica e società.

pro+pro/positivo:
Neonata associazione di studenti dell’Università senese, promuovono eventi, ricerca di spazi di studio e aggregazione; particolarmente attivi nel denunciare affitti in nero e privatizzazione dell’istruzione.

Mauro Folci:
Artista impegnato fin dai primi anni ’90 nel promuovere azioni ed interventi di forte connotazione politica sui temi del lavoro, della libertà e dignità dell’uomo oggi ancora troppo oppresso dal capitalismo.

Lift Gallery:
Dalla fine degli anni ‘90, all’interno dell’ascensore di una casa di Roma, si è svolta una serie di mostre che ha visto protagonisti, oltre allo stesso ascensore, gli abitanti del condominio e numerosi artisti.

WORK|OUT European Students' Review:
Tino Brömme: una esperienza editoriale europea, networking per un giornalismo indipendente e cultura non conformista.

Isabelle Fordin:
Artista la cui ricerca riflette sul modo di abitare lo spazio, incarnazioni, materie visive, tattili ed auditive. Il suo lavoro artistico comprende installazione, fotografia, video, suono che espone dal 1993 in varie città d'Europa, tra cui Roma, Tolosa e Parigi e ultimamente in Thailandia.